Come scegliere un’ottima scuola subacquea in totale sicurezza?

Sei affascinato dalle meraviglie che i nostri mari e i nostri laghi nascondono? Stai iniziando ad informarti riguardo un corso subacqueo? Magari stai programmando una vacanza e stai pensando di aggiungere una visita delle barriere coralline?

Se come noi hai pensato a tutto questo, avrai notato che c’è un piccolo ostacolo in mezzo: devo fare un corso subacqueo! Ecco quindi che da una domanda ne sorgono mille: quale scuola subacquea devo scegliere? Come faccio a capire se una didattica è meglio di un’altra? Se voglio immergermi in totale sicurezza, quale percorso formativo è più adatto a me? 

Se queste domande sono passate per la tua mente, questa mini-guida fa proprio per te!

Scoprire il mondo subacqueo

Prima di affrontare il tuo prossimo percorso subacqueo è bene che sia chiaro un fattore fondamentale: la subacquea è, prima di tutto, un momento di svago. In un mondo sottomarino che è l’esatto opposto del nostro, non c’è infatti spazio per la fretta. Prova a pensarci: sotto i nostri piedi si nasconde un mondo che è rimasto tale per decine, centinaia, migliaia di anni. Quando ci immergiamo lasciamo alle nostre spalle il caos della città, il rumore del traffico, lo stress del lavoro e delle scadenze. Davanti a noi invece, abbiamo qualcosa che solamente un subacqueo può descrivere.

Avrai sentito parlare del respiro e dei fattori rilassanti che esso può conferire al nostro corpo. Durante il giorno è complicato ascoltarlo, concentrarsi su di esso, entrarne in sintonia. Eppure la stragrande maggioranza dei corsi di meditazione comincia proprio dall’allenare l’allievo a percepire il respiro, come fonte di rilassamento. Bene: se durante il giorno quest’attività richiede un certo impegno, un certo isolamento, nel mondo subacqueo questa è una routine. Non appena ci immergiamo, il nostro respiro è l’unica cosa che possiamo ascoltare e credici, è il suono più rilassante che tu possa mai ascoltare. 

Le caratteristiche di una scuola subacquea

Ora che abbiamo eliminato il fattore stress dalla nostra lista, possiamo concentrarci sulle caratteristiche che un buon corso di subacquea – e di conseguenza una buona scuola subacquea – debba avere. Partendo dal presupposto che il tuo corso di subacquea deve essere per te divertente e stimolante, il corso deve procedere in maniera fluida e divertente. Ecco quindi che entrano in gioco gli istruttori, con i quali passerai la maggior parte del tuo tempo durante il corso. Per noi, un buon istruttore deve poter garantire queste caratteristiche: 

  • Deve essere in grado di coinvolgerti durante il corso
    Conoscendoti, può stimolare argomenti che per te risultano più interessanti e affrontare gli altri in maniera più adatta alle tue capacità, rispondendo a tutte le tue domande;
  • Deve saper insegnarti a padroneggiare le attrezzature
    Non deve solo insegnarti ad usarle, ma a prendere confidenza con loro e portarti ad un livello tale da poterle utilizzare in qualsiasi circostanza;
  • Non deve aver fretta di concludere un corso
    Purtroppo, quando la stagione estiva si avvicina, le scuole subacquee iniziano a registrare decine richieste di corsi sub e questo, involontariamente, può spingere alcune di esse ad “accelerare” un tantino i tempi di preparazione.
    Un buon istruttore deve saper rispettare i tempi di ciascun allievo, rendendosi disponibile ad accompagnarlo nella sua naturale comprensione degli argomenti teorici o delle sue abilità pratiche.
  • L’istruttore deve essere ben organizzato
    Sia ben chiaro, anche noi dimentichiamo sistematicamente dove abbiamo posato la matita un istante fa. Un buon istruttore deve essere ben organizzato a livello didattico, organizzativo e sopratutto strutturale. A livello didattico, egli deve avere ben chiaro il percorso formativo che intenderà affrontare con i suoi studenti. A livello organizzativo, il buon istruttore sa utilizzare e sfruttare strumenti diversi per affrontare il corso subacqueo come slide interattive, video lezioni, simulazioni e così via. Questo ci porta all’ultimo fattore: l’organizzazione strutturale. Un buon istruttore subacqueo è supportato da una buona struttura subacquea: una sede corsi, magari con una sala ristoro, con manichini dedicati alle simulazioni, video proiettori e quant’altro daranno sicuramente il loro contributo ad un corso snello ed efficace!

Alcuni consigli prima del corso

Una volta visitate le possibili scuole subacquee, c’è un’ultima cosa che ti rimane da fare prima di scegliere quella più giusta per te: chiedi agli istruttori le certificazioni. Informati sul loro livello di preparazione domandandoli i brevetti, le certificazioni allo stato attivo, le assicurazioni per loro e per i loro studenti. Dai un’occhiata all’attrezzatura che utilizzerai per il tuo corso e accertati che sia di qualità. Questo ti darà maggiore sicurezza sott’acqua e acquisirai maggior controllo di te stesso. 

Alcuni consigli dopo il corso

Certo, è difficile accertarsene prima, ma una buona scuola subacquea dovrebbe saper mantenere allenati i suoi allievi anche dopo il rilascio del brevetto. ATIS Diving Club organizza regolari immersioni subacquee durante i week-end, alle quali tutti gli studenti, tutti i neo brevettati e tutti i sommozzatori sono invitati. Questo non solo è un momento di svago e di divertimento tra amici (ammettiamolo, dopo l’immersione una pizza ed una buona bevanda in compagnia non si rifiuta mai), ma anche un’ottima possibilità per mantenere il proprio fisico e la propria mente allenati. Inoltre, grazie ai viaggi organizzati, non ci si annoia mai di vedere le stesse cose. Un buon viaggio tra amici è un toccasana a livello mentale, anche se stai fuori dall’acqua!

Una raccomandazione

Non affrettarti ad acquistare l’attrezzatura subacquea. Benché alcune scuole subacquee possano essere incentivate a proporti una marca piuttosto di un’altra, prenditi il tempo necessario per comprendere quali siano le tue preferenze. Sfrutta l’occasione di usare l’attrezzatura che la tua scuola subacquea ti presta durante i corsi e le immersioni per capire quali sono le caratteristiche che ti piacciono e quelle che invece non ti convincono. Un soldino risparmiato in anticipo è un soldino ben speso più tardi 😉

Conclusioni

Speriamo che i consigli forniti in questo articolo possano esserti utili nella scelta della scuola subacquea più adatta per te. Le caratteristiche che abbiamo espresso sono frutto della nostra esperienza decennale e, magari, possono aiutarti ad evitare alcuni errori che spesso è facile fare con scuole subacquee che vanno al ribasso. Specialmente durante le stagioni estive, presta attenzione alle offerte in termini di durata e di denaro!

Vogliamo salutarti ricordandoti che la subacquea non è solo uno sport, non si tratta di semplice attività fisica. Quando ci immergiamo con un nostro compagno, noi impariamo a fidarci di lui. Quando conosciamo la nostra attrezzatura, aumentiamo la nostra capacità di autocontrollo. Quando aiutiamo un compagno, stimoliamo la nostra autostima. La subacquea è un toccasana prima di tutto per la mente, perché ci aiuta ad entrare in sintonia con qualcosa che, nel mondo asciutto, facciamo fatica ad ascoltare. 

Questa è ATIS Diving Club, la tua scuola subacquea sul Lago di Garda.